Je Suis Charlie?

Strumenti, non strumentalizzazioni.

Fatto: Persone mascherate e armate irrompono nella redazione di un giornale e uccidono. Gridano frasi elogianti una religione.

Risposta:
Alcuni atei dicono: “questo è quel che fa la religione”. Questa è una STRUMENTALIZZAZIONE.
Alcuni cristiani dicono: “questa è la natura dell’Islam”. Questa è una STRUMENTALIZZAZIONE.
Quelli di destra dicono: “questi sono tutti gli arabi”. Questa è una STRUMENTALIZZAZIONE.

Stiamo girando tutti armati di strumentalizzazioni, e non abbiamo paura ad usarle.
Chissà se avessero gridato “evviva la madonna!”, oppure “Per Hawkins e Dawkins”, cosa avremmo detto?
Perchè non importa cosa abbiano gridato, ma che abbiano ucciso, e se io fossi un integralista cristiano, sarei il primo a cercare di far cadere la colpa sui musulmani.
Strumentalizzazione e dietrologia sono le uniche armi che sembrano esserci rimaste.

E poi ci lamentiamo dei complottisti, di Ferrara, Allam o Adinolfi.

Io sto con Charlie Hebdo, perché sto con la libertà di opinione. E per lo stesso motivo sto con i musulmani d’Europa, che cominciano ad avere una fisionomia propria, innegabile, che sono cittadini del nostro stesso mondo, che sono persone pacifiche che non vogliono altro che vivere in grazia di Dio.

E per chi pensa che ci sia un “pericolo terrorismo” nell’Islam, ricordo che i mafiosi sono tutti devoti cattolici, che l’apartheid era sostenuto dagli evangelici, come la pena di morte in USA, e che gli assassini seriali sono spesso atei.

Così, perchè a generalizzare e strumentalizzare siamo capaci tutti.
(a parte la storia dei mafiosi, e dell’apartheid, che sono vere e disgustose.)

Annunci

Sui Referendum (12-13/06/2011)

Il digiuno che io gradisco non è forse questo: che si spezzino le catene della malvagità, che si sciolgano i legami del giogo, che si lascino liberi gli oppressi e che si spezzi ogni tipo di giogo? Non è forse questo: che tu divida il tuo pane con chi ha fame, che tu conduca a casa tua gli infelici privi di riparo, che quando vedi uno nudo tu lo copra e che tu non ti nasconda a colui che è carne della tua carne? Allora la tua luce spunterà come l’aurora, la tua guarigione germoglierà prontamente; la tua giustizia ti precederà, la gloria del Signore sarà la tua retroguardia.  Allora chiamerai e il Signore ti risponderà; griderai, ed egli dirà: Eccomi! Se tu togli di mezzo a te il giogo, il dito accusatore e il parlare con menzogna; se tu supplisci ai bisogni dell’affamato, e sazi l’afflitto, la tua luce spunterà nelle tenebre e la tua notte oscura sarà come il mezzogiorno; il Signore ti guiderà sempre, ti sazierà nei luoghi aridi, darà vigore alle tue ossa; tu sarai come un giardino ben annaffiato, come una sorgente la cui acqua non manca mai. (Is 58:6-11)

Ricordati, Signore, di quello che ci è avvenuto! Guarda e vedi la nostra infamia! La nostra eredità è passata agli stranieri, le nostre case, agli estranei. Noi siamo diventati orfani, senza padre, le nostre madri sono come vedove. Noi beviamo la nostra acqua dietro pagamento, la nostra legna noi la compriamo. (Lam 5:1-4)

Noi che traiamo la nostra fede e la nostra certezza dalla Sacra Scrittura, non possiamo che essere familiari con il concetto dell’acqua. La Bibbia che noi leggiamo, infatti, è la storia di un popolo che ha sempre combattuto le sue battaglie intorno all’acqua. Un popolo nomade, nel deserto, non poteva che vedere nell’acqua la fonte di vita, la sorgente che da’ vita. Per questa sua natura, l’acqua porta con se parte dell’immagine di Dio.
Se quindi l’acqua porta con sé un po’ dell’immagine di Dio, all’acqua si accompagnano due delle fondamentali caratteristiche divine: la giustizia e la libertà.
Il testo del profeta Isaia che ha aperto questo incontro ci ha detto che la giustizia di Dio non si conclude all’interno dei nostri gesti sacri, ma richiede un impegno giornaliero, un impegno che va oltre la porta di casa nostra, che chiede forze ulteriori, che richiede che i nostri beni personali siano messi a disposizione della giustizia di Dio. È il nostro pane, quello che deve saziare l’affamato, la nostra acqua che lo deve dissetare. Se questo verrà fatto, il Signore stesso risponderà con la sua sazietà ci ricolmerà dei suoi beni ci renderà “come un giardino ben annaffiato, come una sorgente la cui acqua non manca mai”. Se noi offriamo la nostra acqua, Dio ci renderà una sorgente inesauribile.
Questa promessa ci arriva dal profeta Isaia attraverso le stesse parole del nostro comune Signore Gesù Cristo: l’acqua viva non avrà mai fine, e come la donna samaritana noi non possiamo che rispondere: “dacci quest’acqua, affinché non abbia più sete”.
Ma l’acqua che Dio ci dà liberamente non può essere messa sotto pagamento. Come abbiamo detto, solo se impegniamo del nostro, il Signore ci ricolmerà del suo. Eppure in questo periodo ci ritroviamo a decidere su alcune leggi che prevedono che l’acqua, così come sgorga dalla sorgente debba essere messa all’asta, contesa da chi la vuole gestire, come fosse una preda di caccia. All’impegno per dare del nostro, viene sostituita la obbligatorietà di pagare per ciò che è nostro, obbligatorietà perché non ci saranno enti pubblici in grado di offrire condizioni migliori di enti privati.
Ma questa è l’anima del commercio, no? Se gli enti privati possono spendere meno, anche noi spenderemo meno? No. Non lo dico io, ma una legge che il secondo quesito referendario vuole abrogare, la quale inserisce nella gestione dell’acqua il concetto di “adeguata remunerazione del capitale investito”. Cosa significa? Significa che chi ha la gestione dell’acqua, deve guadagnarci, è costretto per legge. Ora, gli acquedotti sono in perdita costante a causa di interruzioni, perdite, furti d’acqua. Se l’ente deve tenere d’occhio tutte queste cose, quindi spenderci soldi, ma ci deve anche guadagnare, dovrà per forza alzare i prezzi a dismisura, perché pareggiare i conti non sarà più abbastanza!
Nella nostra vita, dunque, si ripropone la stessa situazione biblica, l’acqua si fa specchio di giustizia e libertà. Eccoci dunque al passo delle Lamentazioni che abbiamo letto poco fa. Nella dura esperienza dell’esilio, Israele grida a Dio la propria situazione, non solo chiede sollievo spirituale, ma chiede giustizia materiale. Chiede a Dio di intervenire contro coloro che si sono impossessati di tutto e ora lo rivendono ai legittimi proprietari come fossero clienti.
L’acqua privata non è solo questione di giustizia, di equità non rispettata, di differenza abissale tra chi compra e chi vende, l’acqua privata è questione di libertà, perché non si può dire veramente libero, chi paga per ciò che è suo.
Equità, giustizia, libertà, liberazione. Ecco di cosa parla la Bibbia, quando parla d’acqua. E non solo d’acqua vogliamo parlare, questa sera, ma di altre cose nostre che vogliono venderci come fossero proprietà di qualcun altro. Per produrre l’energia che serve alle nostre case, alle nostre famiglie, vogliono venderci una tecnologia sorpassata, un pericolo sopito, ma mai domato, vogliono farci bere acqua e assenzio, direbbe la Bibbia, assorbire radiazioni, spacciandocela per acqua pura, per energia sostenibile, rinnovabile, pulita. Nessuno mette in dubbio il potere della tecnologia nucleare, ma se la Scrittura ci insegna qualcosa, è che, riguardo alle questioni umane, il potere è l’ultima cosa che dovremmo considerare, perché a Dio è stato dato il potere su ogni cosa. Noi dovremmo stare attenti al potere, al comando che Dio ci ha dato, ovvero di essere custodi di questa terra, non padroni, di dimorarvi e crescerla come la nostra casa, non schiavizzarla come un nemico vinto. Il nucleare non ci ha convinto una volta, perché dovremmo metterlo di nuovo in discussione? Ora che altre nazioni come Francia e Germania si dichiarano non così sicure di voler continuare l’avventura nucleare, ci gettiamo noi nella mischia, a riprenderci qualcosa che non fu mai nostro? Giustizia ed equità, libertà e liberazione ci guidino, ci guidino verso soluzioni energetiche uguali per tutti, non così pericolose, che rendano gli uomini liberi e non schiavi, sani e non malati. Come il Signore chiede del nostro per dissetare gli assetati, anche in campo energetico dovremmo imparare a dare del nostro, a sprecare di meno, consumare di meno, essere meno attenti al nostro lusso, e più attenti ai bisogni degli altri, si cammina verso un mondo migliore anche spegnendo la luce, cambiando le lampadine, utilizzando fonti alternative.
L’acqua porta con sé l’immagine di Dio, che è giustizia e libertà, equità nel trattamento di ogni cittadino. Così come rifiutiamo una fonte energetica che rafforza la nostra arroganza, invece che la nostra umiltà, che ci fortifica nello spreco, invece che nella responsabilità, così chiamiamo a responsabilità chi ci governa, li chiamiamo a rendere conto delle loro azioni, presenti e pregresse, nella sicurezza che la nostra giustizia imperfetta, assolutamente inadeguata alla giustizia di Dio, è comunque espressione del buon senso, della buona volontà e delle migliori capacità intellettive di tutta la nazione. Così come i politici e i governanti invitano noi a fidarci di loro, noi invitiamo loro a fidarsi del sistema che abbiamo costruito e che manteniamo con responsabilità, affinché tutti siano giudicati equamente, nel rispetto delle loro libertà, secondo il loro comportamento.
L’acqua, che riflette della giustizia e della libertà di Dio, non è solo l’acqua che noi consumiamo, libera e gratuita, non è solo l’acqua del nostro impegno e della nostra responsabilità per un creato salvaguardato e una giustizia equa, ma l’acqua è anche segno dello Spirito di Dio, Spirito che non ha cessato di muoversi tra di noi, Spirito che continuamente, come l’acqua, viene profuso dentro di noi, che ci fortifica e ci permette di essere fonte per gli altri. L’acqua che noi possiamo dare è frutto e segno dello Spirito di Dio, fonte inesauribile, pronta per noi, a patto che la chiediamo. Come dice il libro dell’Apocalisse: A chi ha sete io darò gratuitamente della fonte dell’acqua della vita.
Chi ha sete, venga; chi vuole, prenda in dono dell’acqua della vita. (Apo 21:6b, 22:17b)

Testimonianza 101

Pubblicato la prima volta il 20/11/2008

L’evangelizzazione è un cardine dell’essere cristiano che spesso sfugge al controllo e al buon gusto dei cristiani stessi. Evangelizzare è, de facto, dire l’Evangelo, ovvero la Buona Novella di Cristo. Sebbene noi sappiamo che “Dio ha tanto amato il mondo da mandare il suo unigenito Figlio affinchè chiunque creda in lui non perisca ma abbia vita eterna”, la cosa che più interessa l’evangelizzatore è “convincere” chi incontra della grandezza della salvezza che lui stesso ha provato. Ed è qui l’errore. L’evangelizzatore spesso si comporta come un malato guarito che consiglia a tutti la sua medicina.

Soffermiamoci un attimo su questo esempio, e cominciamo da qui.
Se è vero che tu eri malato, e conoscendo Cristo ti sei sanato, è altrettanto vero, per cominciare, che Cristo non è una medicina.
Cristo è salvezza, ma non è “dosabile”, non puoi decidere di prenderlo o no, che abbia poco o tanto effetto, Cristo è radicale mutamento, non graduale benessere.
Allo stesso modo, se è vero che il primo stadio del cristiano è accorgersi del proprio peccato e solo dopo di quello altrui, è altrettanto vero che il peccato non è tutto uguale, e così il perdono. Da Lutero in poi il protestantesimo ha teso a sostenere che i peccatori sono tutti nella medesima condizione, a parte che alcuni sono peggio di altri. in realtà è altrettanto vero che i malati sono tutti malati, ma non per tutti l’aspirina è la soluzione.

Ecco dunque che chi è stato malato ed è guarito non si azzarderebbe mai a consigliare la sua medicina ad uno che non abbia la stessa patologia, nessuno sosterrebbe la chemioterapia come risoluzione alla depressione, o una cura ormonale per un braccio rotto.
Eppure milioni di cristiani, magari in buona fede, consigliano a tutti di avvicinarsi a Cristo come hanno fatto loro, e sono anche capaci di arrabbiarsi se questo non porta i risultati attesi.

Ecco allora una breve lista di cosa fare e cosa no quando si pensa di “evangelizzare”.

Non proporre Cristo come risoluzione, non è una medicina.
Non proporre il tuo approccio come formula, non tutti hanno la stessa malattia.
Non farlo per te stesso, non hai nessun merito in ciò.
Non farlo per gli altri, è di Cristo che hanno bisogno, non di te nè della tua sollecitudine.
Non farlo per Dio, se la sa cavare bene anche da solo.
Evangelizzare è testimoniare, ovvero raccontare, racconta cosa Dio ha fatto a te, in te, per te, non aspettarti altro che un vago ascolto, anzi, non aspettarti nulla.
Se vuoi mostrare Dio agli altri, mostra ciò che lui ha mostrato a te, sii misericordioso, non giudicare, ascolta, ascolta, ascolta, ascolta, ascolta, ascolta, ascolta, ascolta.
Ascolta che hai davanti.
Sei sicuro di non aver parlato solo tu?
Dio ha salvato te solo, ed è stato faticoso. Come puoi sperare che tu possa salvare le folle?
Se la Bibbia interroga il tuo cuore, è roba di Dio.
Se il tuo cuore interroga la Bibbia, è roba tua.
Se è roba tua non è detto sia da buttare, ma di certo è da verificare mille volte, con mille persone, prima di farlo diventare il pilastro della tua fede.
Chi vuole guadagnare il prossimo a Cristo, deve perdere se stesso.
Perdere se stessi può voler dire perdere la propria denominazione, a volte anche la propria religione, siamo noi ad essere cristiani, non Dio.

Ricapitolando se vuoi testimoniare la tua fede:
1) Impara a raccontare bene la storia della tua malattia, e della tua guarigione;
2) Esci pronto ad ascoltare, non a parlare.
3) Non cercare chi vuoi, fatti trovare da chi vuole.
4) Ascoltalo, senza parlare se possibile.
5) Ascolalo bene, non fare nulla se non hai capito profondamente che la sua situazione è diversa dalla tua.
6) Ricorda che non sei tu ad avere le risposte.
7) Raccontati, e se la cosa ha seguito, racconta la tua chiesa.
8) Tra un punto e l’altro prega Dio che ti aiuti ad ascoltare, e non a parlare.

A questo punto, la tua testimonianza è finita. Nessun fulmine a ciel sereno, nessuna conversione con lacrime liberatorie, non devi attendere nulla, nè attenderti nulla, Dio è già al lavoro.
Se la persona che hai incontrato volesse riparlare di queste cose, attieniti solo ai punti 4-5-6, sono quelli realmente importanti, gli altri sono contorno….

No-B Day? Oggi no.

Il bello di non contare nulla è che nessuno mai mi chiederà perchè non sono andato al no-b day.

Se qualcuno me lo chiedesse, però, farei riferimento alla nota di adesione del buon Travaglio:

il problema non è Berlusconi, ma il centrosinistra. Il centrosinistra che prende i voti (sempre meno) per opporsi al Cavaliere e poi regolarmente gliele dà tutte vinte. […] Oggi tutti i cittadini che amano la Costituzione e la democrazia saranno in piazza. Ma subito dopo dovranno lavorare a una nuova manifestazione che costringa il Pd a deberlusconizzarsi: il No Pd Day. Come disse Petrolini al disturbatore che lo contestava da un palco: “Io non ce l’ho con te, ma col tuo vicino che non ti butta di sotto”.

Ecco.
C’è chi, come Peter Gomez, vede del buono in una manifestazione “dal basso”. Io no.
Ovvero, non fraintendetemi, è un’ottima cosa che persone diverse, con esperienze e motivi diversi, si trovino insieme uniti per una causa comune, il mio problema è che non posso non essere escatologico, scusate, deformazione professionale.

La mia personale escatologia alla pera cotta mi porta a chiedermi: e poi? Domani? Dopodomani, che succederà?
Non che io pensi che qualcuno pensi che il nano difforme possa veramente essere spinto alle dimissioni foss’anche da 12 milioni di persone in piazza (e io spero vivamente ci siano 12 milioni di persone, oggi).
La domanda che io vorrei porre a tutti coloro che legittimamente e di buona lena scenderanno in piazza oggi è: Cosa farete domani mattina?

E mercoledì, passato il ponte?
Saremo ancora tutti qui a lamentarci di aver votato o quasi-votato un’opposizione che non si oppone, una minoranza minorata?
Tutti concordi nel dire che Di Pietro c’ha le palle e Bersani no?
Riappacificati con partiti di sinistra la cui condotta irresponsabile e criminale, degna della peggiore infamia, ha di fatto regalato il parlamento alla destra?

Io da sempre predico solo due cose, sotto e sopra il pulpito: Coerenza e compromesso.

Chi è coerente ma non sa confrontarsi con la realtà che lo circonda e trovare una via percorribile per la maggior parte degli esseri umani (ovvero la maggioranza) è tanto pericoloso quanto chi non conosce la coerenza e scambia il compromesso per codardia baciapile, voltagabbana e lecchinismo.

Se sei coerente, forte, saldo, con tutti i debiti dubbi e distinguo che caratterizzano una persona aperta ed intelligente, sai anche portare avanti il dialogo, l’intermediazione, il buon compromesso, la riconciliazione.

Altrimenti la tua supposta coerenza è solo un velo d’acciaio steso su una mente fragile ed impaurita.

Io, oggi, dalla finestra osserverò la coerenza altrui e ne trarrò giovamento, ma solo quando vedrò in atto il dialogo, l’intermediazione e la riconciliazione tra le diverse componenti della mia parte politica, io potrò essere attratto da questo movimento.

Per ora scruto da lontano, incuriosito e in buona disposizione d’animo, ma in attesa.

P.S: ovvero, per chiarire: se le componenti civili e istituzionali che hanno litigato fino ad oggi e che oggi scendono in piazza da domani non cominceranno seriamente a dialogare e a lavorare insieme per un’Italia migliore, quella a cui assisteremo oggi sarà stata null’altro che un’inutile e ipocrita pagliacciata da cui sarà ben felice di essermi astenuto.